Frattura del polso

Il trattamento delle fratture di polso è quanto mai vario. Si và dal semplice trattamento in gesso all'intervento importante con una grossa incisione e l'utilizzo di placche e viti. L'intervento che eseguo più frequentemente è l'applicazione del fissatore esterno (FE) spesso con l'aggiunta di altri mezzi di sintesi.  Il FE si basa sull'applicazioni di 2 viti sul 2° metacarpo (al di sotto della frattura) e 2 viti sul radio (al di sopra della frattura). Con movimenti adeguati si sistema la frattura e si blocca il corpo del FE.

Fissatore esterno

  • anestesia più frequente; plesso (dorme solo il braccio da operare)
  • degenza media; 1 notte
  • post-operatorio; mantenimento del FE per 30-40 gg. in base al responso delle lastre
  • rimozione del FE; in ambulatorio senza anestesia (non fa male)

Ecco un caso di applicazione del FE

  • Una frattura di polso con scomposizione dorsale dell'articolazione
  • Applicazione del FE. Si vedono la presenza delle 4 viti e del corpo del FE che solidarizza le viti. La macchia più chiara che si vede nell'osso è dovuta ad una sostanza che in certi casi uso per riempire i difetti dell'osso dovuti alla frattura
Ultima modifica il Giovedì, 26 Aprile 2012 16:15

Download CV

Qui puoi scaricare il mio curriculum vitae in formato pdf per la stampa o per la conservazione sul proprio pc.

Scarica il curriculum del dott.Sergio Carloni

Consenso informato

Scarica qui il documento per il consenso informato per l'intervento chirurgico.

Scarica il documento del consenso informato

Newsletter

Lascia il tuo nome e la tua mail per ricevere direttamente sul tuo indirizzo email notizie e aggiornamenti in campo ortopedico.